29 giugno, 2006

Fotocamere Serie P : P30 T

Nessuna immagine disponibile

Caratteristiche Tecniche

* Anno presentazione 1986
* Prezzo nd
* Copertura mirino 92%
* Fuoco automatico NO
* Fuoco manuale SI
* Esposimetro MEDIA PONDERATA
* Misurazione spot NO
* Esposiz. manuale SI
* Esposiz. automatica SI
* Esposiz. Program SI
* Priorità diaframmi SI
* Priorità tempi SI



* Esposiz. TTL flash NO
* Bracketing autom. NO
* Esposiz. multiple
* Tempi otturaz. 1-1/1000 posa B
* Sincro flash 1/100
* Flash incorporato NO
* Lettura codici DX NO
* Trascinamento Manuale
* Raffica con motore opzionale NO
* Tasto prof. di campo SI
* Peso corpo 500g


Altre informazioni

* Tipo:Fotocamera Reflex 35 mm con esposizione automatica AE programmata.
* Film: Pellicola 35 mm, formato 24 x 36 mm, sensibilità 150: per pellicole DX sistema di lettura e regolazione automatica della sensibilità da 150 25 a 1600 ad intervalli di 1/3.
* Modi di esposizione: AE Programmato, AE con priorità ai diaframmi, Flash Automatico Programmato, Manuale.
* Attacco obiettivo: Pentax baionetta KA.
* Otturatore: Seiko MFC E7 con scorrimento verticale sul piano focale. Pulsante di scatto elettromagnetico. Regolazione automatica dellèsposizione da 1 sec. a 1/1000 di sec. Regolazione manuale da 1 sec. a 1/1000 sec. Posa B.
* Mirino: A pentaprisma con schermo di messa a fuoco incorporato, microprismi e stigmometro a immagine spezzata; copre 92% dell’area inquadrata con obiettivo 50 mm posto su infinito; offre un ingrandimento di 0.82x. Oculare con correzione diottrica -1.
* Dati visibili nel mirino: Display LED per pronto lampo, "P" Modo AE Programmato, " M" Modo Manuale, 11 tempi di posa (LED verdi da 1000 a 60, Gialli da 30 a 1) spia di accoppiamento tempo/diaframma fuori gamma d'esposizione ("1000"o "1" lampeggiano a 4 Hz).
* Sincronizzazione flash: Contatto caldo (Contatto sincro X, contatti per flash dedicati "A" , X a 1/100 sec.).
* Autoscatto: Controllato elettronicamente, tempi di ritardo 12 sec., indicato da una spia lampeggiante. E’ possibile interrompere il funzionamento in qualsiasi momento. Si aziona con il pulsante di scatto.
* Specchio e diaframma: A ritorno istantaneo con controllo della profondità di campo tramite apposita leva.
* Caricamento della pellicola: Sistema di caricamento rapido della pellicola.
* Avanzamento della pellicola: Con un’unica corsa della leva di avanzamento rapido di 130°; posizione di riposo staccata dal corpo macchina 35°.
* Contapose: Additivo, ad azzeramento automatico.
* Riavvolgimento pellicola: A manovella.
* Misurazione esposizione: A tutta apertura con misurazione tramite cellula SPD~ media con prevalenza al centro.
* Campo di misurazione: EV1 (f/1.4, 1 sec.) - EV18 (f/16, 1/1000 sec.) con 50 mm f/1.4 pellicola SO 100.
* Blocco memoria dell’esposizione: Tramite l’apposito pulsante di blocco dell’esposizione.
* Spia stato di carica delle batterie: Quando le batterie sono in via di esaurimento il LED lampeggia, con batterie completamente esaurite, il display non si illumina e l’otturatore si blocca.
* Alimentazione: Due batterie a 1.5 V alcaline o ossido d’argento
* Dimensioni e peso: 137 (L) x 89 (A) x 50,5 )P) mm 500 g senza batterie.

Commenti
Pentax P30t (la "t" sta per titan cioè aspetto della calotta simile al titanio). In tutto e per tutto identica alla P30n, TUTTA PLASTICOSA, leggera ma robusta, con un'impugnatura amabilmente affidabile, ovviamente la colorazione simil titanio della calotta dura poco, per il resto è una reflex che non riserva sorprese negative, l'esposimetro è affidabile e raramente si fa trarre in inganno dai forti contrasti di luminosità contrariamente alla più blasonata SuperA ttl-flash, diciamo che ottengo le stesse coppie tempo-diaframma della MX con il vantaggio della priorità del diaframma, (anche se adotta le "smemorate" cellule SPD in luogo delle GPD), nelle foto notturne con teleobbiettivo addirittura induce meno micromosso rispetto alla MX, ma le batterie durano un rullino!!!!! Manca la prdisposizione per il motore e la compensazione dell'esposizione (cose presenti nella P50) se si vuole fotografare con pellicola diapositiva non è il massimo, ma con pellicole invertibili (ed obbiettivo normale) da grandi soddisfazioni con una spesa ridicola "se presa in un mercatino".
Marco Gallinella